Il gioco dei Dumpire

di Andrea Varano

Nell'atmosfera cupa e malmostosa di una Milano in rovina la caccia serrata ai Dumpire, vampiri tecnologici capaci di rubare i pensieri

A cura di Silvio Sosio

Romanzo | pagg. 393 | 23/01/2018 | Fantascienza

Di cosa parla Scarica ora
Il gioco dei Dumpire (copertina)

Il libro

In una Milano futuristica e spenta, devastata dalla Guerra dell’Energia contro la Francia, l’ex-pilota di linea Nebbioni si unisce alla Clinica del professor Visconti nel dare la caccia ai Dumpire, vampiri cibernetici il cui morso è capace di rubare i ricordi. Nessuno sa della loro esistenza, perché i Dumpire sono la frontiera inconfessabile nella guerra di spie che le Corporation ingaggiano per il nuovo oro nero: le informazioni. Perversi ma anche instabili, cosa succede ai Dumpire quando vanno fuori controllo e l’assuefazione da esperienze altrui li spinge a mordere chiunque, senza freni? Saprà Nebbioni come fronteggiarli? E cosa lo spinge a dar loro la caccia?

Un romanzo ricco di azione e di idee sullo sfondo di un’affascinante Milano di fine secolo, finalista al premio Odissea 2017.

“Un esordio tra i più brillanti. Andrea Varano estrapola da tecnologie

già esistenti conseguenze inquietanti e persuasive, dimostrando che

fantascienza e intelligenza non fanno rima a caso” -- Valerio Evangelisti

Scarica il libro ora dal tuo negozio preferito

Acquista Il gioco dei Dumpire, scaricalo sul tuo lettore e inizia a leggere subito! Scegli il negozio da cui acquistare: se usi un Amazon Kindle o l'app Kindle per dispositivi mobili o PC acquista su Amazon.it o su Delos Store. Se usi l'app Google Ebook Reader acquista su Google Play, se usi un altro ebook reader o altre app acquista su Delos Store o Kobo. I libri Delos Digital venduti su Delos Store non sono protetti da DRM.

Delos Store

EPUB, KINDLE - € 4,99

Amazon.it

KINDLE - € 4,99

Kobo

EPUB - € 4,99

Google Play

EPUB - € 7,49

L’autore

Andrea Varano è nato nel novembre 1976 a Milano, città nella quale tuttora risiede. Sotto vero nome, si occupa di informatica come sistemista e programmatore, "per soddisfare la mia indole creativa sopravvissuta ai mattoncini Lego". Scrivere è l'altro modo per saziare la sua creatività. Si nutro volentieri di Evangelisti, Dazieri, Carlotto, Ammaniti, Genna, Camilleri e ama anche i piatti stranieri come Dick, Vonnegut, Tolkien, Asimov, Herbert, Orwell. Quando è satollo, cerca di digerire tutto sul suo blog.

Ha collaborato a una trasmissione in onda su Radio Popolare in fascia notturna, naturalmente usando l'ennesimo pseudonimo, giusto per confondere un po' le acque. Ha partecipato alla realizzazione di alcuni video brevi come ideatore, attore, regista e curatore della fotografia.

Non contento, nel 2008 ha creato con altri amici una band che ha sperimentato un proprio percorso compositivo, sciogliendosi purtroppo prima che ne fossero chiari i risultati. O forse per fortuna…

Tutto sull'autore
Foto non disponibile